Ventre prominente
Ventre prominente

Ventre prominente, i consigli

Quando se ne ha abbastanza di sentire i commenti irriverenti degli altri sulla pancia grossa o le domande sul prossimo parto mentre non si aspetta per niente un bimbo, non bisogna scoraggiarsi.
Ecco 5 consigli per far tacere le “battute spiritose”:

1. Non consumare troppe calorie in una volta sola soprattutto la sera

L’eccesso di cibo esercita Una pressione sui muscoli dello stomaco e lo spinge in avanti.

Se si mangia molto prima di andare a dormire, i muscoli addominali si rilassano ed è allora più facile che il cibo eserciti una pressione sui muscoli dello stomaco. Dopo pochi pasti, si rischia così di ritrovarsi con il ventre “prominente”.

2. Tirare in dentro la pancia

Questo consiglio è importante soprattutto per coloro che praticano regolarmente footing perché è raro che tirino in dentro la pancia, soprattutto quando sono stanchi.

Quando si corre, tutti i sobbalzi effettuati dallo stomaco indeboliscono i muscoli addominali. Se si cerca di tenere in dentro la pancia per tutta la durata del percorso di footing, si aiutano gli addominali a stare fermi. Certe persone ritengono che sia più facile tirare in dentro la pancia mentre si corre se si mantiene una postura eretta invece di stare leggermente curvi.

3. Dopo avere corso non dimenticare di stirare i muscoli dietro le cosce

Se questi muscoli s’irrigidiscono, può formarsi un lieve inarcamento della colonna vertebrale e rendere così ancora più visibile un ventre prominente.

Provare questo facile esercizio di stiramento: sedersi a terra. Tendere la gamba sinistra davanti. Mettere il piede destro contro la parte interna del ginocchio sinistro. Appoggiare le mani sul polpaccio sinistro. Piegarsi in avanti fino a sentire uno stiramento nella coscia sinistra. Rimanere in questa posizione per 30 secondi. Cambiare gamba e ripetere l’esercizio.

4. Allenare i muscoli del ventre

Permetteranno un migliore posizionamento dello stomaco e impediranno che si spinga in avanti.

Gli esercizi addominali (che consistono nel rialzarsi fino a raggiungere la posizione seduta) e pelvici sono ottimi per tonificare lo stomaco: i primi consentono di rafforzare gli addominali superiori mentre i secondi irrobustiscono quelli inferiori.

Esercizio addominale

Coricarsi a terra con le mani incrociate sul petto. Piegare le gambe tenendo a terra i piedi e la schiena.

Sollevare da terra soltanto la testa e le spalle. Fare attenzione a non alzarsi subito completamente perché in questo modo non si rafforzano gli addominali. Si rischia invece di farsi male alla schiena. Ripetere questo esercizio 10 volte.

Esercizio pelvico

Sdraiarsi sulla schiena e sollevare le gambe, i piedi rimangono a terra e le braccia distese lungo il corpo. Mettere un asciugamano piegato sotto la testa e un altro arrotolato sotto il collo. Inspirare. Premere la schiena a terra e tirare in dentro il ventre. Rimanere in questa posizione da 10 a 20 secóndi. Espirare. Ripetere l’esercizio 10 volte, lentamente.

5. Rinforzare le vertebre lombari

“Lo stiramento del gatto” e il “pseudo-nuoto” sono 2 esercizi facili che permettono di preservare la solidità della schiena.

“Stiramento del gatto”

Mettersi a terra a quattro zampe e tenere la schiena piatta. Inarcare il dorso. Restare in questa posizione per 2 secondi. Ritornare alla posizione iniziale. Ripetere l’esercizio 10 volte.

“Pseudo-nuoto”

Sdraiarsi sul ventre. Mettere un cuscino ben imbottito sotto lo stomaco e i fianchi. Sollevare contemporaneamente il braccio destro e la gamba sinistra fino a quando i muscoli della parte inferiore della schiena e delle natiche si contraggono. Restare in questa posizione per 2 secondi. Ripetere con la mano sinistra e la gamba destra. Ripetere l’esercizio 10 volte.

E’ bene cercare di eseguire 30 minuti di esercizi come quelli descritti in precedenza, 3 o 4 volte la settimana. Anche sollevamenti e trazioni rappresentano una valida scelta di esercizi.

E’ bene rassicurarsi: bastano questi pochi cambiamenti e il ventre non sarà più oggetto di scherno da parte di tutti.

LASCIA UN COMMENTO