Uva

L’uva è un frutto molto speciale, ricchissimo di polifenoli, in particolare di resveratrolo, un potente antiossidante che si impegna a contrastare l’ossidazione e quindi a mantenere alto il grado di salute degli organi interni. Questi principi attivi sono principalmente contenuti nella buccia dell’uva, ma anche la polpa non va sottovalutata, poiché si tratta nel complesso di un frutto ricchissimo di acqua e che contiene preziose vitamine e sali minerali. Consumare alcuni grappoli di uva alla settimana aiuta quindi a depurare il fegato, ma anche a ripulire l’organismo dalle tossine, offrendo capelli più luminosi, una pelle tonica e unghie più forti. Uva alleata della bellezza? Certamente, in quanto si tratta di un frutto zuccherino ma poco calorico, che contiene tanta acqua e che può essere consumato a qualsiasi ora del giorno dato che non gonfia eccessivamente la pancia come molti altri frutti purtroppo fanno.

L‘uva contiene vitamine molto preziose, in particolare la vitamina A, la vitamina B e la vitamina C, quindi possiamo comprendere quanto il suo apporto nutritivo sia prezioso per l’organismo, in una stagione come l’autunno quando la frutta fresca e colorata estiva sta pian piano scomparendo dai banchi del mercato.

Ma l’uva risulta essere il frutto più indicato per chi soffre di fragilità capillare e necessità quindi di rafforzare le pareti venose in modo naturale. Mangiare l’uva, assieme ad un consumo sinergico di frutti rossi, aiuta infatti a mantenere un elevato benessere della circolazione sanguigna, ma anche a migliorare il tono della pelle, in quanto il frutto è ricchissimo di sostanze depuranti, in primis di acqua.

Il modo migliore per consumare l’uva è quello di alternare quella bianca, spesso più dolce e amabile, con quella rossa e di mangiare lentamente gli acini cercando di inghiottire anche i semi. I puristi possono consumare il succo, buono e benefico, magari aggiungendo frutti speciali come il ribes o provando accostamenti alternativi con il sedano o frutti più neutri come la mela.

L’uva può inoltre diventare protagonista in cucina di molti piatti golosi, soprattutto se abbinata a buone insalate un po’ amarotiche, come quelle a base di indivia o di radicchio, ma anche come accompagnamento per i formaggi cremosi e le carni, soprattutto il pollame che ben si presta ad essere cotto al forno o in padella con i profumati acini di uva.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO