Lo stomaco brontola

Quali sono le cause dei trigliceridi alti?  Ne esiste più di una, quindi è importante conoscerle per prevenire il problema. I trigliceridi sono dei lipidi, grassi che hanno il compito di donare energia al corpo. La maggior parte di quelli presenti nell’organismo sono ottenuti dall’alimentazione, tuttavia anche alcuni organi vitali, come fegato e tessuto adiposo, attivano una sintesi che fa nascere appunto i trigliceridi.

I trigliceridi alti altro non sono che una patologia molto pericolosa conosciuta come ipertrigliceridemia. Essa è associata ad alcuni rischi del sistema cardiovascolare, e può portare alla comparsa di diverse malattie come la trombosi. Quando è associata al colesterolo cattivo a livelli alti, esse possono provocare gravi patologie come l’infarto.

Secondo gli esperti, i trigliceridi alti sono tali quando superano i 1000 mg/dl. I sintomi sono vari, come ad esempio dolori addominali, pancreatite, pelle giallastra.

Le cause dei trigliceridi alti

  • Alimentazione scorretta. Il motivo principale è senza dubbio la dieta errata. Quando si consumano troppi zuccheri semplici o troppo alcol, il valore dei trigliceridi aumenta.
  • Farmaci. L’uso di alcuni medicinali, come la pillola anticoncezionale, può portare all’aumento di questi lipidi.
  • Malattie. Alcune patologie come l’ipotiroidismo e il diabete possono esserne la cuasa.
  • Via genetica. Sono definite anche cause primarie dei trigliceridi alti. Spesso è legato all’obesità o alla poco tolleranza verso il glucosio.
  • Cause ambientali. E’ la causa secondaria, correlata ad abitudini di vita e ambiente. Un abuso del cibo, una dieta troppo ricca di zucchero, alcol e grassi…

Infine, le cause dei trigliceridi alti possono essere anche: diabete mellito, insufficienza renale e effetti collaterali di alcuni farmaci, quali i corticosteroidi e gli estrogeni.

Se le analisi evidenziano che soffrite di trigliceridi alti, allora dovete studiare con il vostro medico un piano d’azione mirato che vi aiuti a riottenere dei normali livelli, per non rischiare di subire conseguenze molto serie.

 

CONDIVIDI