L’alimentazione del nostro cane può essere più complessa di quanto solitamente siamo abituati a ritenere. Non basta comprare un sacco di croccantini e il problema “cibo” finisce, molti cani richiedono attenzioni maggiori. Non parliamo del tempo da dedicare al gioco, le passeggiate e le coccole, ma di quello rivolto alla loro alimentazione! Quest’oggi andremo a eliminare” falsi credi”, o leggende metropolitane come le si vogliono chiamare.

  1. Più calcio per le taglie giganti. Il calcio è un minerale molto importante anche per la salute dei cani, ma non deve essere presente in grandi quantità. Come neppure deve esserci una carenza, insomma l’equilibrio è alla base di tutto. Nel caso di un’abbondanza di calcio, nell’organismo possono verificarsi problemi che riguardano l’assorbimento di sostanze positive per la salute. Ecco perché il cane non deve consumare troppo calcio, specialmente i cani giovani! Quindi poco calcio è nocivo per la salute del nostro amico peloso, così come un abbondanza di tale minerale può provocare diversi danni. Non è vero che il cane più grande ha bisogno di più calcio. Sono gli altri i fattori da valutare, sempre con il veterinario!
  2. Se il cane mangia erba significa che non sta bene. Questo è un altro mito da sfatare, ossia i cani possono mangiare erba nonostante stiano benone. Non è affatto vero che il consumo di erba è legato al mal di stomaco del cane, l’animale adora l’erba. Ecco la verità, semplice e priva di fronzoli. Certo in molti casi la consumano per sentirsi meglio e ripulire lo stomaco, ma questo non è l’unico motivo per cui l’assimilano. I cani mangiano erba anche quando hanno sete o semplicemente perché ne hanno voglia!
  3. No alla carne cruda. Non è affatto vero che un cane diventa aggressivo se consuma carne cruda. Anzi, è proprio l’esatto opposto, ossia l’animale sarà più calmo! Questo perché masticando l’animale domestico si rilassa, il tutto è dovuto al rilascio di endorfine. Questo aspetto rende il cane calmo e felice.I motivi per cui non dovrebbero consumare sono altri, come ad esempio l’insorgenza di malattie legate ai batteri che si sviluppano sulla carne non cotta.

CONDIVIDI