L’iperattività negli adulti è apparentemente legata al comportamento. Tuttavia in alcune circostanze può essere collegato a un malessere psicologico profondo. Bisogna infatti tener di conto che viviamo in una cultura e in un ambiente altamente tecnologico, dove ogni cosa ci incoraggia a fare le cose il più velocemente possibile, cercando di risparmiare ogni istante per impiegarlo in qualcosa di più utile. Arriviamo a fare più cose contemporaneamente.

Questo mondo ci permette un margine superiore di realizzazione ma, allo stesso tempo, ha nei nostri confronti un numero crescente di pretese. La nostra società ci porta a essere iperattivi, ma come accennato, non si tratta sempre e solo di un comportamento, gli esperti arrivano delle volte a considerare l’iperattività negli adulti un possibile disagio psicologico.

SI parla quindi di adulti che appaiono incapaci di concentrarsi per troppo tempo, devono muoversi sempre e hanno difficoltà a stringere relazioni, organizzarsi e sono impulsive. Spesso vengono giudicate inaffidabili. Non riescono a concludere i molti compiti che cercano di portare avanti contemporaneamente.

La causa dell’iperattività negli adulti è spesso da ricondurre a l’impossibilità di riconoscersi in qualcosa, in qualsiasi attività. La persona non riesce a farsi coinvolgere e di fatto, in realtà non riesce a portare avanti niente.

Il problema di base è che la persona che soffre di iperattività come disturbo esistenziale, non riesce mai ad esprimere la propria identità. Non si inquadrano nelle proprie scelte e per tanto non si sentono mai gratificate e riconosciute.

Ecco perché un’iperattività negli adulti di tipo cronico, deve essere sottoposto a un percorso psicoterapeutico, in modo tale da poter colmare alcune di quelle mancanze che fanno sentire sempre la persona con il bisogno di essere in azione.

Chiaramente non è da confondere con il semplice far troppo che caratterizza alcuni periodi della vita particolarmente pieni. E’ per questo sempre importante chiedere il parere di uno specialista.

 

CONDIVIDI