L’anemia è un disturbo piuttosto comune ma i suoi sintomi possono variare in base alle cause e lo stato di salute in generale. Tuttavia vi sono alcuni segnali inconfondibili. Vediamo quali sono.

Affaticamento: la stanchezza cronica e la perdita improvvisa di energia senza motivo, è il sintomo dell’anemia più comune. Altre persone avvertono sonnolenza anche se si sono riposate normalmente.

Tachicardia: la tachicardia è un altro sintomo piuttosto comune. In pratica, vi è un aumento del ritmo cardiaco dopo uno sforzo minimo.

Lingua che brucia: molte persone quando soffrono di carenze di ferro, sentono la lingua bruciare. La lingua infatti si infiamma in alcuni casi, uno di questi è la presenza dell’anemia.

Unghie fragili: la carenza di ferro porta alla fragilità dell’unghia e dei capelli. Quando si spezzano facilmente, potrebbe significare che vi è una carenza generale di ferro e per tanto è il caso di chiedere il consulto medico e di rivedere l’alimentazione. La carenza di ferro può portare anche alla coilonichia, cioè all’unghia piatta o concava.

Pallore: una persona che soffre di anemia è spesso molto pallida in viso. Ovviamente tale segnale non è sempre riconducibile a una carenza di ferro. In alcuni casi potrebbe essere tutto nella norma.

Crampi improvvisi: nel corso della notte o quando si svolgono attività normali. Potrebbero essere sintomo di una carenza di ferro, di magnesio o di potassio.

Bocca secca: la secchezza della bocca può essere accompagnata da taglietti molto fastidiosi ai lati della bocca, in particolare negli angoli.

Formicolio agli arti: difficoltà a camminare, scarso senso del tatto, arti inferiori o superiori rigidi. Possono indicare una carenza di ferro o vitamina B12.

Dolori addominali: quando l’anemia dipende dalla distruzione dei globuli rossi, può causare dolori addominali.

Sangue nelle urine: quando le urine si colorano di rosso, il motivo può sempre essere la distruzione dei globuli rossi.

Difficoltà a respirare: quando vi è una grave carenza di ferro, l’anemia può portare a difficoltà respiratorie.

CONDIVIDI