La neurite ottica è l’infiammazione del nervo ottico. Solitamente è legata ad alcune malattie autoimmuni come ad esempio la sclerosi multipla. Essa infatti porta i nervi del cervello e del midollo spinale a infiammarsi.

La neurite ottica in genere colpisce solo un occhio ma, non è certo impossibile che invece attacchi entrambi. Ma, quali sono i sintomi e le cause della neurite ottica?

Neurite ottica: sintomi

  • Dolore oculare: aumenta con il movimento dell’occhio.
  • Perdita della vista: non sempre ha la stessa intensità il problema. Spesso la neurite ottica causa una perdita della percezione dei colori. E’ possibile che compaiono nel campo visivo luci tremolanti o lampeggianti.

Di fatto comunque la neurite ottica di per se è già un sintomo. E’ stato scoperto che quasi il 15% delle persone che hanno la sclerosi multipla, hanno sofferto in passato di neurite ottica. Per questo motivo quando i sintomi sopra elencati sono presenti, è necessario rivolgersi quanto prima a un medico. E’ importante indicare allo specialista anche altri possibili sintomi collegati, come ad esempio l’intorpidimento degli arti.

Neurite ottica: cause

Non sono ancora state scoperte le cause precise. Vi sono solo delle teorie in merito. Secondo alcuni, il problema si presenta quando il sistema immunitario attacca erroneamente quella sostanza che copre il nervo ottico. Quando la mielina viene danneggiata, ecco che si sviluppa l’infiammazione.

Semplicemente la neurite ottica può essere causata da diverse malattie e quindi, riveste più che altro il ruolo si sintomo. Come ad esempio della sclerosi multipla, il lupus eritematoso sistemico, la sarcoidosi e altre. La presenza di neurite ottica non indica necessariamente la presenza di malattie autoimmuni. Sono altri i motivi che possono provocarla, come le infezioni batteriche, la parotite, l’herpes, il morbillo e la sifilide.

Solitamente sono colpite soprattutto le persone con età tra i 20 e i 40 anni. Le donne rischiano due volte di più degli uomini di svilupparla. E’ da considerare comunque anche la predisposizione genetica.

CONDIVIDI