Masturbarsi fa bene oppure fa male

La masturbazione consiste in una pratica di autoerotismo che prevede la manipolazione degli organi genitali, di solito accompagnata da fantasie erotiche.
Molto frequente nella fase adolescenziale di entrambi i sessi, tende a diminuire l’incidenza nell’età adulta, quando generalmente si trasforma in attività preparatoria al rapporto sessuale.

La sua incidenza è di circa l’80% nelle donne e il 97% negli uomini.
Considerata un tempo come una perversione causata da disturbi della sfera psico-emotiva, attualmente viene accettata come una normale attività legata alla sfera sessuale.

La masturbazione assume un significato clinico soltanto quando si collega ad un’inibizione del comportamento sessuale nella vita di coppia.
Pur trattandosi di una pratica innocua, può innescare notevoli sensi di colpa in particolare su individui psicologicamente fragili che non sono in grado di contestualizzare tale necessità fisiologica.
Spesso tale colpevolizzazione deriva da un diffuso atteggiamento punitivo culturale che una parte di individui mostra ancora oggi.

PRODOTTO CONSIGLIATO PER AUMENTARE DIMENSIONI, EREZIONE, DURATA, ORGASMO:

Masturbarsi fa bene?

L’autoerotismo è una pratica piuttosto diffusa in entrambi i sessi, con una maggiore incidenza in quello maschile, la cui reale incidenza non è facilmente rilevabile in quanto la maggior parte degli individui non ama parlare di questo argomento, considerandolo illecito.

Secondo molte ricerche scientifiche è comunque risaputo che tale pratica comporta numerosi benefici per l’organismo.

1. Aiuta ad aumentare la consapevolezza del proprio corpo
Il principale vantaggio che una libidine consapevole porta con sé riguarda l’approfondimento della conoscenza del proprio corpo, soprattutto in ambito femminile, dove gli organi genitali non sono così esposti come nel maschio.
Esplorare il proprio corpo offre alla donna l’opportunità di identificare le zone erogene, particolarmente utili in caso di assenza di orgasmo (anorgasmia) durante i rapporti sessuali.

2. Diminuisce lo stress
La masturbazione determina un potenziamento della secrezione di dopamina ed ossitocina, due ormoni implicati nell’innalzamento del tono dell’umore.
Durante periodi di stress, la sintesi di tali sostanze è nettamente inferiore e pertanto risulta particolarmente vantaggioso aumentarne la produzione.

3. Migliora il sesso nel rapporto di coppia
L’acquisizione di una migliore consapevolezza del proprio corpo e l’identificazione delle zone erogene, oltre ad essere vantaggioso per il singolo, diventa fondamentale nei confronti del partner.
Come conseguenza si realizza un migliore affiatamento di coppia per raggiungere meglio l’eccitamento.

4. Attenua i dolori mestruali nella donna
Secondo le più recenti linee guida, la masturbazione diminuisce la sintesi delle prostaglandine, molecole responsabili dell’insorgenza della sintomatologia dolorosa tipica della dismenorrea.

5. Facilita l’addormentamento
L’autoerotismo praticato prima di addormentarsi stimola la produzione di endorfine, neuromediatori implicati nella genesi del sonno.
Tali molecole tendono a potenziare il rilassamento muscolare, a diminuire le attività dell’organismo e soprattutto a stimolare la produzione delle sostanze ipnoinducenti che l’organismo di solito sintetizza prima del sonno.

6. Migliora la salute del pavimento pelvico
La funzionalità della muscolatura pelvica è migliorata dall’attività sessuale in quanto le contrazioni che accompagnano il raggiungimento dell’orgasmo contribuiscono al benessere del pavimento pelvico.
Anche la masturbazione si comporta in maniera analoga, potenziando la salute degli organi localizzati a livello della pelvi.

7. Abbassa il rischio di cistite
Secondo alcuni studi scientifici effettuati presso l’Università di Sidney, la masturbazione diminuisce il rischio di infezioni delle basse vie urinarie, tra cui soprattutto la cistite, una malattia estremamente comune nelle donne.
Grazie all’azione del liquido emesso durante tale pratica, i batteri responsabili dell’insorgenza del disturbo vengono infatti eliminati.

8. Migliora l’attività cardiaca
L’attività del muscolo cardiaco viene migliorata dal potenziamento dei processi metabolici dell’organismo che a loro volta risultano più attivi in seguito alle pratiche di autoerotismo. Numerose ricerche cliniche hanno evidenziato che la masturbazione mantiene in allenamento il cuore diminuendo il rischio di infarto e ictus.

9. Diminuisce l’epidemiologia di neoplasie alla prostata
Un recente studio epidemiologico effettuato presso l’Università di Harvard ha confermato che gli uomini che eiaculano più di cinque volte alla settimana, hanno il 33% di probabilità in meno di sviluppare un carcinoma alla prostata, grazie al ricambio di liquido spermatico e seminale che diminuisce l’insorgenza di infiammazioni ed infezioni alle basse vie urinarie.

10. Evita la possibilità di infezioni
Masturbandosi si realizza un piacere autoerotico che evita il rischio di contrarre malattie legate alla sfera sessuale e trasmissibili tramite gli organi genitali.

Masturbarsi fa male?

Nonostante gli indubbi benefici che la pratica dell’autoerotismo provoca a livello organico e psicologico, un eccessivo ricorso alla masturbazione può comportare anche conseguenze negative.

1. Tendenza alla depressione
Chi si masturba abitualmente è in grado di soddisfare le proprie esigenze erotiche senza il coinvolgimento di un partner, pertanto sviluppa un’evidente tendenza all’isolamento, che nel tempo può portare a sindromi depressive ed ansiose.

2. Insorgenza di pensieri ossessivi
La masturbazione diventa negativa quando assume le connotazioni di un impulso incontrollabile e di un pensiero dominante, oppure quando si sostituisce ad un un fisiologico rapporto sessuale trasformandosi in un comportamento compulsivo che viene effettuato in maniera rituale, interferendo con la vita quotidiana e innescando problemi relazionali.

3. Masturbarsi è un tabù
La masturbazione è spesso collegata al senso di colpa, derivante dalla morale comune secondo cui si tratta di un atto non fisiologico. Il collegamento psichico che solitamente si verifica tra masturbazione e divieto, può portare all’insorgenza di fenomeni di scarsa autostima, di insicurezza e di chiusura in se stessi.

Secondo gli esperti la masturbazione in quanto tale non è negativa, soltanto se non assume i connotati di una condizione patologica, soprattutto se contribuisce a peggiorare il rapporto di coppia. Se da un lato una migliore conoscenza anatomica del corpo contribuisce a migliorare il raggiungimento dell’orgasmo anche durante il coito, è comunque possibile che stimoli un desiderio eccessivo di autoerotismo. Qualora si verificasse tale condizione è quindi necessario consultare medici specialisti, sia per quanto riguarda l’aspetto organico (urologi) sia per quanto riguarda quello emotico (psicologo).

PRODOTTO CONSIGLIATO PER AUMENTARE DIMENSIONI, EREZIONE, DURATA, ORGASMO:

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RICEVERE LE OFFERTE: CLICCA QUI
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO