Mangiare le patate

Mangiare le patate sembra essere un peccato mortale, tutti hanno paura di questo alimento che da sempre è stato definito come uno dei più calorici insieme alla pasta e al pane. Ma come riuscire a fare a meno di questi cibi buonissimi? Per qualcuno le patate, il pane e la pasta, sono gli alimenti fondamentali per il pasto giornaliero, per altri invece sono intoccabili a causa della dieta, ma niente paura ci sono diversi modi per cucinarle e farle rimanere light.

Mangiare le patate anche a dieta

Mangiare le patate anche durante una dieta è possibile, niente di grave o di impossibile, ma soprattutto non bisogna avere i sensi di colpa pensando di aver fatto un gesto contro il proprio benessere.  Dato che le patate sono buone in qualsiasi modo vengono proposte, fritte, bollite, con la pasta, un purè, il modo più semplice per cucinarle è bollirle e aggiungere un po’di olio, sale ed aceto per poi mangiarle senza pane e soprattutto non in quantità elevate. Qualcuno pensa che così non possano soddisfare l’appetito perché troppo semplici oppure perché servirebbe una quantità massiccia e invece non è così perché nutrono nella stessa maniera di un piatto di pasta o di carne e pane in piccole porzioni.

Mangiare le patate come contorno

Mangiare le patate anche in occasione di una cena importante, non vuol dire per forza fare una cattiva figura. I piatti creati con questo alimento, a differenza di quanto si pensa, non sono affatto poveri. Si possono creare delle vere e proprie pietanze aggiungendole come contorno alla carne, alle uova oppure ai legumi e magari con un po’di furbizia anche a qualcosa che non ci piace molto mangiare. Il piatto al quale sono certa che nessuno rinuncerà mai e sul quale andare sicuri, sono le patate al forno, sale, olio e rosmarino per una bontà senza limiti.