L’orzaiolo, cause e rimedi

Prima di parlare delle cause e dei rimedi contro l’orzaiolo, è bene che tutti abbiano  chiaro in cosa consista questo disturbo.
Cercando di semplificare al massimo una spiegazione che in medicina richiederebbe senz’altro pagine più approfondite di analisi, l’orzaiolo può essere definito come una specie di foruncolo degli occhi.
Più specificamente, si definisce orzaiolo un’infezione caratterizzata dalla produzione di pus che colpisce le ghiandole di Zeiss o le ghiandole di Meibomio.

Quali sono le cause dell’orzaiolo?

Esistono due tipi di orzaiolo, come abbiamo detto il primo interessa le ghiandole di Zeiss e il secondo quelle di Meibomio.
L’orzaiolo che colpisce le ghiandole di Zeiss si definisce anche esterno e si manifesta principalmente sulle palpebre. Oltre ad essere più evidente, esso è anche più facilmente trattabile.
L’orzaiolo interno, ossia quello che colpisce le ghiandole di Meibomio, è invece più complesso da diagnosticare poiché si manifesta sulla parte interna della palpebra.
Questa forma di orzaiolo va curata con maggiore attenzione.

La causa di qualsiasi tipo di orzaiolo va sempre ricercata nell’infezione da parte di stafilococchi, batteri presenti nella cute ed è spesso connessa con la blefarite.
Nel dettaglio, quando si forma un’infezione sulle palpebre, i batteri possono riprodursi all’interno delle ghiandole dando inizio ad una lesione. I sintomi, comuni alle due forme di orzaiolo descritte, sono dolore e secrezione di pus. Normalmente la fuoriuscita di pus si ha quando l’orzaiolo è in stato più avanzato ed attenua il dolore.
Altri sintomi abbastanza visibili ad occhio nudo sono il gonfiore e l’arrossamento dell’occhio nel punto in cui stazionano i batteri.

Per quanto concerne le cure, l’orzaiolo esterno non desta normalmente preoccupazioni e a patto che non si diffonda si può attendere che faccia il suo naturale decorso. Per quello interno invece il discorso è più ampio e la visita dal medico è indispensabile. Esiste infatti la possibilità che l’infezione batterica passi anche alle zone confinanti.
La cura dell’orzaiolo passa per quella delle blefariti. Una buona igiene oculare oltre a contrastare l’infezione previene il problema. Per quanto concerne la cura, l’orzaiolo normalmente regredisce con una pomata antibiotica prescritta dal medico.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO