Le insidie della frutta

Le insidie della frutta sono tantissime, o almeno pensiamo di sapere tutto ciò che basta e ci accontentiamo mangiandola in grandi quantità soprattutto quando si è a dieta e sostituendola a un piatto di pasta o ad una fettina di carne sentendoci realizzati. In realtà dovremmo sapere tutti che la frutta farà certamente bene, ma ha molte verità nascoste. Vediamo di cosa stiamo parlando.

Le insidie della frutta

Le insidie della frutta, fa veramente bene?

Le insidie della frutta iniziano dal momento in cui diciamo che mangiare tutta la frutta che vogliamo in qualsiasi quantità fa solo bene all’organismo, niente di più sbagliato. Si, è vero che qualsiasi frutto contiene acqua e quindi è perfetto per chi ha problemi come la cellulite, è vero pure che non ha grassi, ma molti dimenticano che contiene molti zuccheri. Cosa vuol dire? significa che se mangiamo più di uno o due frutti al giorno anche se di diverso tipo, c’è il rischio di assumere lo stesso numero di calorie di quando mangiamo un piatto di pasta o del pane condito o meno. Quale modo migliore per concludere un pasto se non con un frutto come una mela, una pesca, una banana? Sbagliatissimo, la frutta andrebbe mangiata lontana dai pasti sia che si tratti del pranzo, che della cena perché nel caso inverso fa fermentare gli amidi quindi gonfiare lo stomaco e rallenta di molto la digestione.

Le insidie della frutta per la dieta

Le insidie della frutta vedono protagonista anche l’ananas che secondo molti dietologi e dottori in generale sembra far dimagrire perché brucia i grassi. Ed anche questa è una bugia perché per quanto riguarda l’ananas possiamo dire che contiene una proteina ovvero la bromelina che ha semplicemente il fine di aiutare a digerire più rapidamente, ma assolutamente niente di più. Non si tratta di un frutto miracoloso, ma certamente buono.