Talassoterapia

L’aria del mare, le passeggiate in riva e i bagni fanno bene alla salute. Non a caso fin dai tempi antichi coloro che non hanno la fortuna di vivere in località marine scelgono di trascorrere dei periodi di vacanza al mare, per rigenerarsi e per beneficiare dei regali dell’acqua salata. Da sempre l’acqua del mare è stata introdotta negli ospedali e nei centri di benessere perché ricca di sali minerali preziosi, come il silicio, il calcio, il magnesio e il potassio, fondamentali per la salute di grandi e piccini. In particolare, il calcio contenuto nell’acqua marina aiuta la crescita e si rivela fondamentale per la salute delle ossa per le donne in menopausa. Ecco quindi nascere centri che propongono la talassoterapia anche in città, ovvero dove l’acqua del mare viene impiegata per proporre bagni, suffumigi e altri trattamenti che aiutano il sistema scheletrico, alleviano i problemi muscolari e anche quelli legati alle vie respiratorie.

La talassoterapia è praticata in molti centri attrezzati, ma ovviamente i migliori sono quelli che si trovano nelle stesse località marine, dislocati in riva al mare poiché sfruttano l’azione positiva dell’aria di mare, ricca di sali e quindi benefica per l’apparato respiratorio e preziosa per la salute della pelle. I centri di talassoterapia propongono inoltre l’impiego di fanghi marini, ottimi per combattere gli inestetismi come la cellulite e la pelle a buccia di arancia, ma anche per sciogliere la ritenzione idrica e per permettere di sgonfiare le gambe e le caviglie che soffrono di cattiva circolazione.

I centri di talassoterapia fanno anche un uso massivo di alghe, vegetali che contengono quantità di sali minerali incredibili, molto spesso preziosi e difficili da incontrare altrove. Le alghe vengono impiegate per eseguire dei bendaggi, trattamenti molto utili per ravvivare il tono della pelle e per permettere di assorbire tutti i sali. Le alghe vengono anche introdotte nell’alimentazione, per renderla più ricca, benefica e completa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO