La musica come terapia

La musica come terapia funziona ed anche molto di più rispetto ai farmaci, non ha controindicazioni ed è capace di cambiare il nostro umore e di conseguenza anche le giornate. Quando la musica entra in contatto con il cervello, anche se per pochissimi minuti, la sua attività viene incrementata, lavora di più e la qualità migliora; questo vale sia per i giovani, che per i bambini, ma anche per i più grandi perché funziona come un rinforzo positivo.

La musica come terapia per ridurre lo stress

La musica come terapia per ridurre lo stress mentale e la stanchezza fisica, è l’ideale ma è anche la cura adatta per bambini o gli adulti in generale che non riescono a parlare bene perché hanno difficoltà ad articolare le parole. Attraverso la musica infatti è più semplice scandire le parole. A livello di stress invece, quando si è agitati, ansiosi, non ci si sente bene, basta ascoltare un po’di musica a piacere che sia lenta o movimentata perchè in questo modo dal cervello vengono rilasciate le endorfine che modificano in maniera rapida l’umore. Mentre per chi ha problemi a prender sonno, quindi non riesce a dormire, la musica lenta può sostituire qualsiasi farmaco e qualsiasi mezzo secondario come la conta delle pecorelle.

La musica come terapia nello sport

La musica come terapia nell’attività fisica è anche capace di migliorare le prestazioni; durante una corsa o una camminata veloce è facile sentirsi affaticati e non in grado di proseguire. Secondo diversi esperimenti che in realtà ognuno di noi può condurre su stesso per verificare la veridicità della scoperta, basta mettere un paio di cuffie, per ascoltare la musica che vogliamo e nel frattempo correre. Sembrerebbe che la difficoltà nel movimento o la stanchezza riaffiori dopo un bel po’di tempo, inducendoci a continuare lo sforzo fisico senza fermarci o fare pause contro produttive.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RICEVERE LE OFFERTE: CLICCA QUI
CONDIVIDI