Doppie punte

Se durante l’estate si potevano lasciare i capelli liberi di asciugare all’aria aperta, con l’avvento dell’autunno la beauty routine cambia, perché è indispensabile asciugare i capelli con il phon per non buscarsi qualche malanno. Torna quindi l’incubo delle doppie punte, una brutta gatta da pelare che molte donne affrontano ogni giorno. Le doppie punte possono formarsi per vari ragioni, ma l’asciugatura al phon rientra di rigore fra esse. Come è possibile contrastare le doppie punte in modo efficace e soprattutto naturale?

Gli esperti sono concordi nell’affermare che le doppie punte, una volta aperte, non si chiudono più, ma molto può essere fatto per prevenirle. La routine di bellezza dedicata ai capelli deve quindi cambiare e farsi più decisa e accurata. In particolare, un buon rimedio per le doppie punte va ricercato negli impacchi di oli naturali, i quali rafforzano questa parte della chioma e aiutano a renderla più forte e quindi meno soggetta alle rotture.

Una buona soluzione, naturale e bio al 100%, si basa sull’impiego dell’olio di argan prodotto ‘multipurpose’ che può essere impiegato anche come ottimo olio per il corpo e per il viso. L’olio di argan può essere utilizzato in sinergia con l’aceto di mele, ingrediente rinvigorente e molto benefico per lucidare la chioma, e con qualche goccia di olio essenziale di cannella, uno fra gli oli più importanti per il benessere dei capelli.

Di base è sufficiente mescolare tre cucchiai d olio di argan bio e di alta qualità con 20 gocce di olio essenziale di cannella. La maschera così composta può essere lasciata agire molto tempo, durante la giornata e meglio ancora durante la notte, per permettere ai principi attivi contenuti nei prodotti di agire profondamente. Una volta svegli, si può procedere con un lavaggio con shampoo delicato e quindi con un risciacquo a base di aceto di mele. L’azione nutriente e restitutiva degli oli si associa infatti alla lucidatura delle punte e dell’intera chioma, che grazie all’azione rinvigorente dell’aceto si scopre setosa e soprattutto protetta dagli agenti atmosferici.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO