Cachi

Anche se i cachi non sono ancora maturati, l’autunno è la stagione che li vede diventare arancioni, succosi e pronti per essere impiegati in tante ricette in cucina. I cachi sono piante molto forti e generose, che regalano abbondanza di frutti a chi le possiede. Non a caso, questi frutti vengono considerati ‘l’oro arancione‘, perché sono molto nutrienti, ricchi di sostanze preziose per l’organismo e abbondanti di sali minerali rari. Si tratta di frutti pastosi, molto saporiti e perfetti per essere impiegati in cucina nella preparazione di composte, marmellate, ma anche di snack e piatti salati.

Ma perché i cachi fanno bene alla salute? Innanzitutto i cachi contengono molta acqua, circa l’80% della loro composizione, quindi sono idratanti e corroboranti. Il minerale più prezioso presente nella polpa è indubbiamente il potassio, diuretico e importante per la salute della muscolatura, ma questi frutti così speciali contengono anche magnesio, calcio, sodio e selenio.

I cachi sono un’importante fonte di vitamina C e anche di betacarotene, sostanza che fa bene alla pelle e anche ai capelli. I cachi sono inoltre un frutto antiossidante, perché la loro polpa contiene buone quantità di retinolo, utile per contrastare l’insorgenza delle malattie cardiovascolari. Si tratta di un frutto energetico e molto zuccherino, che di base è sconsigliato alle persone che soffrono di diabete e di obesità, ma che è caldamente consigliato a chi soffre di malnutrizione e di inappetenza in quanto è nutriente e ricco di sostanze preziose per l’organismo.

Il caco è inoltre lassativo e leggermente diuretico, quindi può essere inserito nella dieta giornaliera di chi soffre di stipsi e anche di problemi di intestino pigro. È importante non eccedere, perché trattandosi di un frutto calorico il caco può apportare troppe calorie e appesantire l’organismo. In autunno il suo consumo è caldamente consigliato, soprattutto al mattino quando il caco risulta più digeribile e abile nell’offrire un ottimo apporto energetico e tonificante a tutto l’organismo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO