La depressione può colpire tutti e non è una condizione che può essere ignorata, anche se purtroppo i primi campanelli d’allarme vengono spesso trascurati. Conoscendo alcune informazioni a riguardo sarà facile identificare le cause e i sintomi di questo problema non poi così raro. Aiutare chi soffre di depressione è importante, ma soprattutto deve essere la persona a riconoscere questa sua condizione e rivolgersi a uno specialista che potrà o meno confermare la teoria e consigliare poi la cura più appropriata.

Depressione: sintomalogia

I nostri consigli servono per fare chiarezza su questo problema ma è sempre meglio recarsi dal proprio medico curante prima di avere la convinzione di conoscere la situazione e fare così una diagnosi (alcune volte errata). Vediamo comunque i sintomi:

  • Difficoltà a dormire
  • Poca energia
  • Solitudine
  • Disturbi nella concentrazione
  • Tristezza improvvisa
  • Dormire molto
  • Mancanza di appetito
  • Dolori fisici
  • Essere meno vivaci (se la persona lo è di carattere)
  • Difficoltà di memoria

È chiaramente difficile capire se è presente oppure no la depressione ed è per questo che poco fa, abbiamo consigliato di sentire sempre il medico prima di giungere a conclusioni affrettate. Comunque questo elenco può servire ad accendere il campannellino d’allarme!

Depressione: cause

Anche per quanto riguarda le cause rivolte alla depressione non è proprio una passeggiata individuarle. Possiamo aggiungere che molti eventi possono dare origine a questo disturbo che tende ad aggravarsi nel tempo. Vediamo insieme alcune cause: problemi economici, perdita di un amico o familiare, cause inspiegabili (senza motivo), stress accumulato nel tempo etc. Ricordiamo che anche gli effetti collaterali dovuti per colpa di determinati farmaci possono dare motivo alla depressione di manifestarsi.

Insomma occorre esperienza e ricerche da effettuare e solamente i medici hanno le capacità per questo, noi possiamo solamente limitarci a seguire i consigli e al primo segno di allarme andare dal dottore.

CONDIVIDI