Che tipo di pelle hai? Forse non ci hai mai pensato o forse, non sei ancora riuscita a catalogarla. E’ importante capirlo perché in questo modo potrai adottare i trattamenti più idonei per prendertene cura e mantenerla sempre in buona salute attraverso i prodotti adatti e la giusta alimentazione.

Sono 5 le tipologie di base. Cioè la pelle normale, secca, mista, grassa e sensibile. Vediamo quali sono le caratteristiche di ognuna di esse.

Pelle normale

La pelle normale è elastica, ha un colorito omogeneo ed è compatta, liscia. E’ la pelle che da meno problemi, facile da trattare e perfetta anche senza un filo di trucco! Possiede il giusto mix di lipidi e di acqua. Se la mantenete bene già da ora, non avrete grandi problemi in futuro.

Pelle secca

Una pelle secca risulta tirata, che tende a sfaldarsi. Il colorito invece di essere un bel rosa tende al giallognolo. E’ il tipo di pelle maggiormente predisposta all’invecchiamento precoce. Necessita di una grande idratazione, adoperando i giusti prodotti. Soprattutto l’estate e l’inverno è necessario utilizzarli, perché sia il caldo intenso che il vento gelato, peggiorano la situazione.

Pelle grassa

La pelle grassa è oleosa. Le ghiandole sebacee producono più sebo di quanto serve. Gli accumuli maggiori si notano su fronte, naso e guance. Appare lucida e ricca di punti neri. Nella gioventù può causare anche acne. Non vi è una tendenza particolare all’invecchiamento, tuttavia è importante pulirla ogni giorno per mantenerla il più naturale possibile e rimuovere il sebo in eccesso. L’eccessiva pulizia non è di aiuto, perché troppa acqua porta la pelle ad agire in difesa e produrre ancor più sebo.

Pelle mista

E’ quella più comune. Vi è più sebo su naso, fronte e mento, ma sulle guance la pelle è normale. Le zone più secche richiedono nutrimento, quelle più oleose la giusta pulizia.

Pelle sensibile

La pelle sensibile si irrita facilmente, tende ad arrossarsi e infiammarsi quando si usano prodotti non specifici. E’ possibile trovare i prodotti giusti in farmacia o nei negozi biologici.

CONDIVIDI