Camomilla: proprietà usi e benefici

La camomilla è una delle piante più antiche utilizzate dall’uomo come rimedio a molti disturbi, in quanto presenta molteplici benefici per l’organismo. Cresce spontaneamente in natura ed è facile trovarla in diversi tipi di terreno, come prati e campagne, nel periodo che va da maggio a settembre.

Camomilla pianta

camomilla piantaSi tratta di una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Asteraceae.  É caratterizzata da una forma a cespuglio di altezza non superiore ai 50 cm. Possiede delle foglie oblunghe di colore verde scuro e i suoi fiori sono bianchi con i petali che tendono verso il basso. Il frutto è un achenio di circa 1 mm di lunghezza, di colore chiaro.

Come utilizzare la camomilla

La camomilla può essere utilizzata in diverse modalità a seconda delle proprietà che si vogliono sfruttare, se ne può fare un uso interno attraverso tè e tisane o un uso esterno attraverso impacchi, oli essenziali e pomate. Attraverso l’uso topico di tale sostanza è possibile sfruttare al meglio le proprietà cosmetiche.

Come preparare un infuso

Versare 1 cucchiaino raso di fiori di camomilla 1 nell’acqua bollente e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 5 min. Filtrare l’infuso e berlo ancora caldo.

Camomilla benefici e proprietà

camomilla beneficiDa sempre questa pianta è conosciuta per le sue proprietà calmanti, lenitive e sedative. Essa infatti è principalmente utilizzata sotto forma di tè o tisane dall’effetto rilassante oppure per creare ottimi impacchi. Ma gli effetti della camomilla non si fermano solamente a quelle di un calmante. Essa infatti presenta molti altri benefici per l’organismo:

  • Allevia i disturbi gastrointestinali: grazie alle proprietà digestive, infatti, facilità la digestione stimolando la produzione di succhi gastrici.
  • Possiede proprietà antinfiammatorie, alleviando pruriti e rossori.
  • Concilia il sonno e risolve problemi legati all’ansia grazie alle sue proprietà rilassanti e calmanti
  • É inoltre indicata nei casi di congiuntivite o orzaiolo per accelerare il processo di guarigione attraverso impacchi caldi.
  • É utile in caso di cistite per alleviare il bruciore.
  • Stimola l’afflusso di sangue ed è quindi consigliata durante il periodo mestruale in quanto favorisce le mestruazioni alleviando quindi i dolori.
  • É ideale per chi segue una dieta in quanto possiede proprietà diuretiche.
  • É ottima la camomilla per schiarire i capelli in quanto ha proprietà schiarenti, quindi la si trova spesso all’interno di prodotti per capelli chiari.
  • Contrasta l’acne, basta applicarla direttamente sui brufoli con l aiuto di un dischetto di cotone o dei cotton fioc per farli sparire in pochi giorni.

Camomilla capelli: impacco schiarente

Per schiarire i capelli e renderli più lucidi occorre preparare un impacco e applicarlo sulla chioma dei capelli, lasciandolo agire per circa 30 minuti coprendo la testa con un’asciugamano. Per preparare l’impacco occorre:

  • 1 litro d’acqua
  • 2 cucchiai di capolini di camomilla essiccati
  • succo di limone

Come procedere: portare un litro di acqua ad ebollizione, dopo spegnere il fuoco e immergere la camomilla. Lasciare raffreddare, filtrare con un colino e aggiungere il succo di limone. Versare l’infuso sulla chioma ancora bagnata (dopo aver fatto lo shampoo) in maniera omogenea su tutti i capelli, piegando la testa verso il basso. Attendere un paio di minuti e tamponarli con l’asciugamano. Dopo 10 minuti circa è possibile asciugarli normalmente con il phon.

Camomilla in gravidanza

L’utilizzo della camomilla in gravidanza può essere molto positivo in quanto grazie alle sue proprietà rilassanti riesce ad alleviare la stanchezza e a trasmettere tranquillità anche al nascituro. Bisogna però assumerla con attenzione in quanto un eccessiva dose può stimolare le contrazioni. Sarebbe quindi opportuno contattare il proprio ginecologo prima di assumerla e cercare di evitarla i primi mesi di gestazione.

Camomilla effetti collaterali

Non vi sono particolari effetti collaterali nell’uso della camomilla, bisogna fare attenzione solamente al tempo di infusione in quanto con un’infusione troppo lunga la bevanda diventa più forte causando quindi gli effetti opposti, come disturbi all’apparato digerente o problemi di irritabilità.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO