Ansia da prestazione: come combatterla

L’ansia da prestazione si può definire come una reazione psicologica dettata dalla paura di non essere all’altezza di una determinata situazione. Essa può avere delle ripercussioni fisiologiche sull’organismo umano, in quanto nella maggior parte dei casi i sintomi riguardano non solo l’ambito emotivo ma anche quello fisico.

Ansia da prestazione in ambito sessuale

Nella maggior parte dei casi, quando si parla di ansia da prestazione si fa riferimento all’ambio sessuale. Si tratta di un problema che riguarda maggiormente il sesso maschile, ed è dettato dall’attribuire un’enorme importanza alla prestazione sessuale. Questo impedisce di vivere serenamente la sessualità. Una delle maggiori cause che porta l’uomo a soffrire di ansia da prestazione è la paura di deludere il partner. Si tratta infatti di un vero e proprio blocco psicologico dettato da uno stato di preoccupazione riguardo le proprie prestazioni sessuali. Infatti l’uomo tende a vivere il rapporto sessuale come una sorta di dimostrazione e si ritrova poi ad avere il timore di fallire. Questo può causare una serie di problemi durante il rapporto legati per esempio all’erezione. Il meccanismo mentale che subentra in questi casi causa una diminuzione dell’afflusso di sangue nel pene e quindi l’erezione diminuirà o cesserà addirittura del tutto. L’insicurezza sessuale può quindi fortemente limitare l’eccitazione mentale e fisica del soggetto affetto da ansia da prestazione.

Da cosa è causato?

Ma non possiamo parlare di ansia da prestazione come una malattia mentale. Si tratta infatti solo di uno stato psichico temporaneo causato da:

  • bassa autostima sessuale
  • senso di inferiorità
  • timore di essere giudicati sessualmente
  • timore di non piacere
  • paure legate alle dimensioni del pene
  • uso o abuso di alcool e droghe
  • Difficoltà nella coppia

Come sconfiggere l’ansia da prestazione

Se si tratta di un problema a livello mentale è proprio nella sfera della psiche che è possibile trovare una soluzione per sconfiggerla. Infatti è possibile riuscire a combatterla in maniera autonoma, eliminando le cause psicologiche di questo problema. Elevare la propria autostima è un passo fondamentale da fare. Attraverso apposite tecniche mentali ed esercizi mentali da poter fare autonomamente che portano con il tempo ad un notevole miglioramento della fiducia in se stessi nella sfera sessuale. Maggiore sarà la fiducia in se stessi, meno si presenterà l’ansia da prestazione, fino a scomparire del tutto. Bisogna quindi lavorare su se stessi con opportune tecniche mentali. In ogni caso è consigliato un consulto con un sessuologo, se un iniziale tentativo autonomo di superare l’ansia da prestazione risulta inefficace. Il sessuologo infatti aiuterà il soggetto ad affrontare la situazione in modo corretto e rapidamente.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO