Silvoterapia

La bellezza passa attraverso il benessere psicologico e molto spesso trova la sua manifestazione nel piacere di stare a contatto con la natura. Stendersi per terra, appoggiare i piedi nudi sul muschio soffice o abbeverarsi a una fonte montana sono gesti apparentemente semplici, ma che permettono di ritrovare il contatto con gli elementi naturali, di rilassare la mente e di scoprire delle sensazioni ancestrali che molto spesso sono andate perdute nel corso del tempo.

Oggi vogliamo parlare della silvoterapia, ovvero della pratica di abbracciare gli alberi. Si tratta di una tecnica di eco terapia, che permette di avvicinare il corpo agli alberi e quindi di avvertire una sensazione naturale molto forte. L’abbraccio può essere esteso, oppure è sufficiente sedersi a terra e appoggiare una mano sul plesso solare dell’albero e l’altra in prossimità dei reni, per attuare un profondo scambio energetico fra il corpo umano e il corpo dell’albero, ovvero il tronco.

Nervosismo, insonnia, ma anche stress e problemi di respirazione possono essere curati con la silvoterapia, che è spesso consigliata alle persone sofferenti. Soggiornare in una zona montana ricca di alberi aiuta infatti a migliorare il flusso sanguigno, a ossigenare il cervello e gli organi vitali, riscoprendo un’energia perduta di cui tutto il corpo può beneficiare. Se non è possibile andare in montagna, è ideale recarsi almeno un paio di volte alla settimana in un parco cittadino e abbracciare l’albero, toccarlo e contemporaneamente attuare uno scambio di energia per migliorare il proprio stato di benessere, ma soprattutto per staccare positivamente dagli impegni di ogni giorno, anche solamente per pochi, ma preziosi, minuti.

Attenzione al significato degli alberi, perché ogni specie vegetale è legata a un preciso significato e può aiutare a risolvere i problemi legati al benessere quotidiano. Ad esempio la betulla è iconica della rinascita e della purificazione, quindi è ideale approcciarla nei momenti in cui si deve cambiare stile di vita e si desidera disintossicarsi da un presente troppo frenetico. Il melo aiuta a prendere le decisioni importanti, mentre l’abete è utile in caso di problemi alle vie respiratorie, mentre il salice è legato alla figura femminile e alla stabilità delle fasi lunari. A ognuno il suo albero quindi, in un processo di rinascita semplice, ma infinitamente benefico per la ricerca di un benessere reale quanto ancestrale nella sua essenza.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RICEVERE LE OFFERTE: CLICCA QUI
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO